Comune di Ischia

circa 19.000 abitanti, ha storia antichissima, è conosciuta sin dalle remote età per l’industria dei vasi di creta dei quali secondo quanto narra Plinio, l’isola trasse uno dei suoi nomi: Pithecusa. Il primo centro abitato di Ischia fu distrutto dall’eruzione del 302 avanti Cristo creando un lago. Successivamente grazie all’apertura di una insenatura voluta da Ferdinando II di Borbone nel 1854 il lago è divenuto l’attuale Porto. Il Comune di Ischia è suddiviso in due principali nuclei abitati, uno nelle vicinanze del porto denominato Ischia Porto, e la frazione Ischia Ponte, che prende il nome dal ponte che collega il castello aragonese con il borgo. Altre frazioni sono Campagnano, San Domenico, San Michele, Sant’Antuono. Chiese Colleggiata Spirito Santo – San Giovangiuseppe Cattedrale – Santa Maria dell’Assunta Santa Maria del Carmine Santa Maria di Costantinopoli Sant’Antonio – Convento dei Frati Minori Santa Maria delle Grazie – San Pietro San Ciro Chiesa Gesù Buonpastore Chiesetta del Crocifisso San Girolamo Sant’Antonio Abate San Domenico Santa Maria Addolorata Santa Maria delle Grazie – Sant’Antonio San Domenico – Santa Maria Annunziata Santa Maria di Portosalvo Sant’Alessandro Sant’Anna San Pietro – Convento Monaci Basiliani San Vito – Campagnano sul Castello Aragonese Madonna Assunta Madonna Immacolata San Pietro a Pantaniello Santa Maria dell’Ortodonico – e Madonna della Libera Madonna della Annunziata Santa Barbara Santa Maria della Carità San Nicola